37M Ansaldo
37M Ansaldo
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, 37M Ansaldo
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, 37M Ansaldo

37M Ansaldo

Prezzo di listino
€18,00
Prezzo scontato
€18,00
Prezzo di listino
Esaurito
Prezzo unitario
per 
Imposte incluse. Spedizione calcolata al momento del pagamento.

Nella ricerca di un veicolo corazzato per equipaggiare le proprie unità mobili, verso la metà degli anni Trenta l'esercito ungherese cominciò a cercare potenziali fornitori disponibili a cedere questo tipo di mezzi. Tra questi, il Regio esercito italiano aveva già buone relazioni con la Honved e si dimostrò favorevole a vendere i carri leggeri di produzione nazionale, derivati dalle tankette Carden-Loyd. Gli ungheresi riuscirono a ottenere un contratto di fornitura da 150 unità, che vennero distribuiti tra i reparti mobili e che vennero impiegati sia nel breve conflitto con lo Slovacchia e poi nel corso dell'operazione Barbarossa, l'invasione dell'Urss.

I carri veloci italiani L3/35 nella denominazione ungherese vennero ribattezzati 35M Ansaldo tankette e furono modificati con la sostituzione dell'armamento di bordo: le due mitragliatrici Fiat, infatti, furono rimpiazzate da armi di produzione interna, le 8 mm Gebauer 34AM. Il cambio di dotazione obbligò ad una modifica dello scudo dell'arma. Le tankette dei capo-plotone vennero poi modificate con l'aggiunta di una cupola di forma squadrata dotata di sportello sul tetto. in totale, 45 tankette vennero dotate di cupola e ridenominate 37M Ansaldo.

In ogni confezione Mussini c'è un 37M Ansaldo montato, ma le cui parti non sono incollate, per facilitarne la pittura. Il modello si compone dello scafo superiore, di quello inferiore e dei due treni di rotolamento. E' incluso anche un figurino di carrista ungherese.

In their search for an armored vehicle to equip their army, the Hungarians began looking for potential suppliers who were willing to sell such equipment. The Italians, who already had a good connection with the Hungarian Army, were more than willing to sell their CV series of fast tanks. Thanks to this generous offer, the Hungarians managed to obtain some 150 fast tanks. These would see service during the small conflict with Slovakia, with some success. By the invasion of the Soviet Union in 1941 though, they were completely outdated.

During its service life, the Hungarians implemented some modifications to their 35M vehicles. The most obvious change was the modified armament. Initially, the Italian fast tanks received were armed with one machine gun (likely a 6.5 mm FIAT-Revelli Mod. 1914). Their firepower would be increased by replacing this machine gun with two Hungarian-built 8 mm Gebauer 34AM and later 34M/37M machine guns. The installation of the new armament necessitated the modification of the machine gun mount by increasing its size. The tankettes of the platoon leaders were then modified with the addition of a square-shaped cupola with a hatch on the roof. in total, 45 tankettes were fitted with cupolas and renamed 37M Ansaldo.

In every Mussini box of 37M Ansaldo there is a model already assembled, but not glued, so that the parts can easily be removed to paint them separately. The model is divided into 4 parts: upper and lower hull and the two side elements of wheels and tracks. It's also included a figure of hungarian tank crew.